Con l’aborto un cuore smette di battere, ma un altro cuore si spezza

2011-06-22

Stuprata. Le sue braccia forti erano strette attorno al mio collo, mi strangolavano, mi soffocavano e mi lasciarono boccheggante. Sentivo che la morte era imminente, così in una frazione di secondo scelsi di lasciargli fare quello che voleva col mio corpo, così da poter rimanere in vita. Dopo, mi strinsi addosso il cappotto in modo che non si potessero vedere i miei vestiti strappati sotto…
Anche se il mio corpo cominciava a cambiare, ad aver bisogno di vestiti più larghi, credevo di non essere incinta, perché il primo test di gravidanza risultò negativo (non c’erano ancora abbastanza ormoni). Ma dopo sei settimane, una visita al mio medico di famiglia mi informò che ero incinta. “Oh, no!”. Fui presa da shock, incredulità, paura e agitazione. Da Londra mi avvisarono di andare in una clinica nell’Inghilterra a metà strada verso il nord per abortire, dicendo che doveva essere fatto in fretta, perché ero al limite del periodo in cui era permesso farlo legalmente. Confusa e concentrata solo sulle paure, andai avanti…
Il mio aborto avvenne in un freddo palazzo, vecchio e sinistro. Mi sentivo molto a disagio mentre aspettavo nella sala con le piastrelle a scacchi bianchi e neri e guardavo scorrere i minuti dell’orologio. Era come se la morte incombesse come una nuvola nell’aria sopra di me. Feci del mio meglio per reprimere le mie emozioni, firmai un documento, ricevetti il numero, e mi unii a circa otto donne che erano sdraiate su dei letti in una stanza, e aspettai a lungo dopo aver inserito qualcosa ed essermi cambiata con un indumento per l’operazione che doveva rimanere aperto. Mentre parlavano delle loro gravidanze, delle nausee mattutine, e del perché stavano uccidendo i loro bambini, cominciai a pensare. Più tardi nell’ascensore, mentre stavo salendo, misi una mano sulla mia pancia, comprendendo finalmente che avevo un bambino dentro di me, e dissi: “Sono una madre… ho un bambino dentro di me!” L’infermiera che mi accompagnava mi rassicurò dicendo, “È normale – anche altre donne hanno avuto quel pensiero all’ultimo minuto – stai facendo la cosa giusta”, dopo di che le porte si aprirono ed entrai in una sala operatoria illuminata intensamente, dove mi dissero di sdraiarmi, di alzare le gambe e di metterle nelle staffe. Ma mi sentivo malissimo e vulnerabile per via dell’intimità e ancor più perché il medico abortista si era infuriato e agitato quando l’infermiera aveva parlato con lui, e lui cominciò ad urlarmi che avevo già firmato un modulo di consenso, no? e che stavo bloccando il flusso delle cose. Mi prese rozzamente le braccia, che mi legarono con le cinghie, e mi mise un ago nel braccio… dopo di che non mi ricordo molto… persi conoscenza…
Quando ripresi conoscenza, mi dissero ad alta voce di alzarmi. Con grande sofferenza afferrai la mia pancia con una mano, mentre con l’altra brancolavo cercando l’uscita lungo il muro del buio corridoio, poi tornai nel mio letto nell’altra stanza. Le altre donne ora non parlavano e gemevano per il dolore. Sentivo la mia pancia come se ogni centimetro fosse stato raschiato con una lama tagliente di rasoio. Fummo lasciate sole… e dopo molto tempo… credo il giorno dopo… mi permisero di tornare a casa, ma il dolore era insopportabile. Mi offrirono una sedia a rotelle, ma strinsi i denti e mi dissi: “L’hai voluto tu, e allora sopporta senza lamentarti”. Sanguinai abbondantemente mentre tornavo a casa in auto, e dovetti fermarmi ogni tanto: la testa mi girava, stavo malissimo. I sanguinamenti durarono per sei mesi.
Guardando indietro, mi pento di aver abortito, e delle pillole del giorno dopo che ho preso. Se avessi capito allora ciò che ora so, non sarei mai stata capace di chiedere di uccidere il mio bambino. Pervenni a questa consapevolezza dopo aver visto un video di un aborto, vedendo un bambino di 12 settimane reagire agli strumenti dentro l’utero, e vedendo le terribili immagini di questi piccoli esseri umani, quando tiriamo via loro le braccia, rompiamo le gambe e le tiriamo fuori, fracassiamo i loro crani, aspiriamo (parti dei loro) corpi, le cervella, li decapitiamo, ecc. Come possiamo guardare queste immagini, con intestini, costole, cervella, cuore, spina dorsale, ecc. e non chiamarli esseri umani? La vita comincia nell’istante del concepimento: tutti i geni e il sesso sono nella prima cellula, così come il colore dei capelli, della pelle… La cellula continua ad espandersi a 2, 4, 8, 16 cellule… fino all’adolescenza, quando i nostri figli sono pienamente sviluppati.
Provai un immenso senso di colpa e un immenso rimorso dopo aver compreso che cosa avevo fatto. E mi separai dalle mie emozioni, perché il senso di colpa era troppo grande da sopportare, e questo mi causò problemi nelle relazioni in seguito. Poi lessi che delle donne come me, che abortiscono dopo una violenza sessuale (meno dell’1% di tutti gli aborti) l’80% si pente di aver abortito. Mentre il 70% di quelle che hanno scelto di lasciar vivere il loro bambino non ha rimpianti. Vorrei non averlo ucciso…
In seguito, ogni Festa della Mamma, dovevo affrontare il fatto che ero una madre, anche se non di un figlio vivente, madre di un bambino morto per le mie stesse azioni. Trauma emotivo. Portavo questo in me in silenzio, senza parlarne. Mi raggelai quando poco dopo qualcuno pose il suo piccolo bambino tra le mie braccia: chi ero io per tenere in braccio un bambino dopo aver ucciso il mio? In seguito, anche io entrai a far parte delle statistiche di un aborto spontaneo. In una successiva gravidanza ebbi la ‘placenta previa’ (una condizione che provoca eccessivi sanguinamenti), il rivestimento del mio utero era troppo sottile. Ho saputo che il tessuto cicatriziale dovuto all’aborto può causare problemi nelle successive gravidanze e i danni dell’aborto possono causare parti  prematuri, insieme ad una probabilità maggiore del 50% di cancro al seno se non porti a termine la gravidanza del primo bambino, ma interrompi improvvisamente il processo di produzione del latte, abortendo. Quando in seguito nacque mia figlia tramite taglio cesareo, le mie braccia furono ancora legate, come durante l’aborto, e tutte le paure e le ansie tornarono a scorrere in quello che avrebbe dovuto essere solo un momento gioioso.
Trovo pure straziante il non poter dire alla mia figlia vivente più vecchia che è la mia primogenita. E quando un giorno lei tornò da scuola, chiedendomi se avessi mai perso un bambino, non riuscii a proferire parole: come fai a dire ad una bambina che hai fatto uccidere sua sorella? Quanto è traumatico emotivamente per la famiglia della donna che ha scelto di uccidere! Quanto si sente insicuro il fratello/sorella… perché loro e non io?
Quando avevo circa 35 anni scoprii che io stessa ero stata concepita in uno stupro (da parte del marito). Tutta la mia famiglia lo sapeva da tempo, tranne me. Mio padre era completamente ubriaco, aveva schiaffeggiato violentemente mia madre per tutta la stanza, poi l’aveva buttata sul letto e violentata. Violenza domestica. Io fui concepita. Quando ero cresciuta nel suo grembo per circa sei mesi, lei prese la sua bicicletta e premeditava di buttare lei stessa e me sotto un treno nelle ferrovie a qualche chilometro da casa. Lei andò là, stette vicino ai binari… ma proprio mentre il treno si stava avvicinando, lei non riuscì ad andare avanti. Le sono così grata che non l’abbia fatto!!
La vita non è come siamo stati concepiti, o cresciuti… ma ciò che ne facciamo. C’è guarigione, e sono così felice che mia madre non mi abbia fatto uccidere, quando ne aveva la possibilità. La gente pro-choice direbbe ora che avrei dovuto essere uccisa nel grembo. Però sono così felice che mi abbia partorita, e allevata, nonostante il modo in cui sono stata concepita, e di essere viva e di poter fare qualcosa per l’umanità. Il mio valore e il mio diritto alla vita non dipendono da come sono stata concepita! Anche dopo uno stupro!
Eppure… che cosa ho fatto io quando ho scoperto che io stessa stavo portando in grembo un bambino in seguito ad una violenza su di me?
Dovetti venire a patti con ciò che io, io stessa avevo fatto. Avevo scelto di pagare qualcuno per uccidere il mio bambino innocente. C’erano un padre (il violentatore), una madre (io) ed un bambino. Ma io avevo assoldato un sicario (il medico abortista) per uccidere il mio bambino innocente. Avevo compresso tutto questo dentro di me per 25 anni ma, come dicono gli psicologi, alla fine il pozzo nero della vita deve essere aperto, e abbiamo bisogno di essere onesti con ciò che abbiamo fatto nella nostra vita.
Ho dato un nome ai miei bambini, ho fatto una tomba per loro al cimitero, e ho trovato guarigione con YHWH (Dio) e Suo figlio Yahshua (Gesù), e in base a questo ora sono in grado di testimoniare che cosa ho fatto, e gli effetti che ha causato su di me, sulla mia famiglia e sulle persone a me care, fisicamente, emotivamente e spiritualmente. Sono profondamente pentita di avere sottoposto il mio piccolo e innocente bambino a una tale tortura e ad una così dolorosa mutilazione, facendolo tagliare a pezzi ancora vivo e mentre il cuore ancora gli batteva. Uccidere un innocente non è mai giusto, anche dopo uno stupro. “Due torti non fanno una ragione”. Il padre mi aveva fatto male, ma io ho fatto male al bambino. Il bambino non aveva fatto nulla di male. Il bambino è un’altra persona. Avrei potuto finire con l’amarlo, o farlo adottare ad una famiglia che lo amasse. In ambito giuridico, se un uomo uccide una donna incinta è punito per la morte di due persone. Che stiamo facendo uccidendo i nostri stessi figli?
Vorrei che mi avessero parlato del meraviglioso sviluppo del mio piccolo. E del fatto che persino prima che noi madri sappiamo di essere incinte, dopo quattro giorni di ciclo mancato, il bambino ha già un cuore che batte verso i 18-21 giorni. Che a 18 giorni il cervello comincia a svilupparsi, a 20 giorni con il cervello mediano, frontale, posteriore, e che le onde cerebrali possono essere misurate a 40 giorni. Che sono sensibili al tocco, al calore, alla luce e al rumore. I recettori del dolore cominciano a svilupparsi entro le 4-5 settimane. Verso le 6 settimane rispondono al tocco. Hanno DNA, sesso, gruppo sanguigno, impronte digitali che li rendono individui unici. Belle manine con piedi, costole, bocca, lingua.
Talvolta il bambino non muore immediatamente quando comincia la sua uccisione e le braccia e le gambe sono tirate via. Un medico abortista ha testimoniato che il cuore del bambino a volte pulsa ancora. O che sono ancora vivi mentre sono aspirati via e vanno attraverso il tubo per morire poi nel barattolo. Questi sono esseri umani, non sono morti cerebralmente, o senza sensazioni…
Se una donna è incinta, ha bisogno di sostegno, non dell’aborto.
Molte di noi (il 64%) vengono costrette ad abortire (dal ragazzo, dalla madre, dal padre, dall’insegnante, dal medico, dall’infermiera, dall’amica, dall’assistente sociale) e poi noi sentiamo pentimento e vergogna in seguito, quando comprendiamo la piena portata di ciò che abbiamo fatto. Un bambino dice: “Fammi vivere. Prendi la mia mano invece della mia vita. Amami invece di uccidermi”. L’aborto uccide un cuore che batte. Con la selezione embrionale per le malattie, noi diciamo in realtà ai fratelli/sorelle: “Tu sei voluto e amato perché non hai un handicap”. Alle persone handicappate noi diciamo in realtà: “Sei tollerato solo perché non c’era la tecnologia per eliminarti quando eri un embrione”. Il genocidio è all’interno dei nostri laboratori. Ricordati: Dio ti ama, ma ama anche il tuo bambino.
Con l’aborto un cuore smette di battere, ma un altro cuore si spezza. Diventiamo insensibili, come me all’inizio, oppure il rimorso e il senso di colpa aleggiano sopra di noi, fino a quando diventiamo pulite e troviamo la guarigione. Come disse Madre Teresa: “L’aborto è la morte di due: il bambino e la coscienza della madre”. Vi prego, non uccidete il vostro bambino. Il vostro bambino ha bisogno di essere lasciato vivere… trovate qualcuno che vi aiuti.
Grazie

Irene van der Wende
Coordinatrice per i Paesi Bassi di Silent No More Awareness

I Regret Killing My Baby After Rape


Qualcosa si muove in Texas

2011-06-16



AUSTIN, 24 maggio 2011 – Il Governatore Rick Perry oggi ha solennemente firmato l’House Bill 15, che prevede che una donna venga sottoposta ad ecografia prima di scegliere di abortire, per garantire che sia pienamente informata prima di prendere una decisione di così grande importanza. Il governatore è stato raggiunto dal senatore Dan Patrick e dall’onorevole Sid Miller alla cerimonia della firma.

“Ogni vita persa a causa dell’aborto è una tragedia e tutti dobbiamo lavorare insieme per prevenirla, e mi congratulo con l’onorevole Miller e con il senatore Patrick per il loro duro lavoro in questa significativa legislazione” – ha detto il governatore Perry – “Questa importante legge assicurerà che ogni donna del Texas che desidera abortire sia in possesso di tutti i dati riguardanti la vita che sta portando, e comprenda l’impatto devastante di una decisione di importanza vitale”.

Questa legge prevede che un medico esegua una ecografia ventiquattro ore prima di un aborto, fuorché nei casi ove vi sia emergenza medica. In base a tale normativa, un medico è tenuto a visualizzare l’immagine ecografica, spiegare l’immagine e rendere udibile il battito cardiaco fetale.

“Questa legge proteggerà la vita umana: la vita dei nascituri vittime dell’aborto, come pure di quelle che sono di fronte a una tale decisione di importanza vitale”, ha detto l’onorevole Sid Miller. “Dando alle donne un periodo di ventiquattro ore di attesa, questa legge fornirà alle mamme in attesa il tempo necessario per rivedere la propria ecografia e valutare attentamente l’impatto della loro decisione senza pressioni indebite o influenza da parte delle cliniche per aborti o di altri.”

La legge permette alle donne di rinunciare a vedere l’immagine e sentire il battito cardiaco, e prevede che firmino una dichiarazione che lo attesti prima di essere sottoposte ad ecografia. Una donna può scegliere di rinunciare alla spiegazione verbale delle immagini solo se è incinta a seguito di stupro o incesto, se è minorenne e abortisce sotto permesso giudiziario, o se il feto o ha una condizione medica irreversibile medica o presenta anormalità. Inoltre, se la donna vive a più di 160 chilometri dalla clinica per aborti più vicina, il periodo di attesa è ridotto da ventiquattro a due ore.

“Oggi è un grande giorno per la salute delle donne e dei bambini nascituri in Texas”, ha detto il senatore Patrick. “Questo disegno di legge migliorerà moltissimo la cura sanitaria delle donne in Texas, fornirà alle donne le informazioni che hanno il diritto di avere attraverso il consenso informato e senza dubbio salverà migliaia di vite innocenti”.

“A nome delle donne di Operation Outcry, un progetto della Justice Foundation, siamo grate al Governatore e ai legislatori per aver fatto questo passo coraggioso per informare le donne della verità di ciò che realmente avviene durante l’aborto” ha affermato Allan Parker, Presidente di Justice Foundation e di Operation Outcry. “Rappresentiamo oltre cinquemila donne che hanno firmato dichiarazioni legalemente valide riguardo ai danni che l’aborto ha causato loro, e molte sentono di non essere state informate adeguatamente sulle conseguenze devastanti dell’aborto”.
“Questa legge farà in modo che non vi siano altre donne devastate dall’aborto come lo siamo state noi, e siamo liete che questo sia diventato legge” – hanno detto Molly S. White e Myra Myers (qui la sua testimonianza in italiano) con Operation Outcry e Silent No More.












Gov. Perry: Sonogram Legislation Helps Prevent the Tragedy of Abortion
What Others Are Saying About Sonogram Legislation...